Il gruppo (che in origine si chiamava "Dreamers" e poi "Squali") ha preso il nome attuale, che significa gazzella africana, perché sapeva di dover imparare a saltare sempre più lontano per poter emergere…e ci è riuscito alla grande.
Dopo vari tentativi, riescono ad ottenere un'audizione presso la Casa discografica Ricordi dove, durante un provino, incontrano l'allora sconosciuto Lucio Battisti, anch'egli lì per lo stesso motivo. Ottengono, insieme a Lucio, una scrittura e collaborano entrambi con Mogol (Giulio Rapetti).
Il sodalizio, Battisti-Dik Dik-Mogol dura per ben sette anni, durante i quali mette a segno molti successi discografici: "Sognando la California", "Il mondo è con noi", "Il vento", "Vendo casa", "Dolce di giorno", "Io mi fermo qui", "Il primo giorno di primavera", "Senza luce". I Dik Dik diventano così il gruppo italiano con più Hits in classifica.
Dopo questo sodalizio i Dik Dik iniziano un'altra proficua collaborazione con Maurizio Vandelli, producendo altri grandi successi, quali: "L'isola di Wight",  "Storia di periferia", "Help me".
I Dik Dik partecipano alle più grandi manifestazioni e rassegne musicali in tutto il mondo; dai festival nazionali di Sanremo, Cantagiro e Festivalbar, passano con il medesimo entusiasmo e professionalità al festival di Montreaux, a Cuba, in Cile, e in varie tournée in tutta Europa, in Sud America e negli USA.
Il tour 2013 "Viaggio di un poeta", che prende il nome da un loro grande e splendido successo, oltre ai loro brani più famosi comprende alcuni brani internazionali che hanno rappresentato la rivoluzione musicale degli anni '60
N.B: In gentile concessione